Giorni Feriali-Orario Sante Messe

Ore 07.30 Lodi Mattutine
Ore 09.00 Santa Messa (Solo il Primo Venerdì del Mese)
Ore 18.30 Santo Rosario
Ore 19.00 Santa Messa
Ore 19.45 Vespro

Giorni Festivi- Orario Santa Messe

Orario Estivo: utlima domenica di Giugno- Luglio-Agosto
Ore 08.30   19.00

Orario Invernale
Ore 08.30 -10.00 - 11.30- 19.00 

Pin It

I frati minori che guidano la comunità parrocchiale di Santa Maria Vetere recependo le direttive del governo italiano contenute nel DPCM 8/23/2020 e le disposizioni della Cei comunicano che la nostra chiesa resterà aperta  per la preghiera personale e che vengano seguite le indicazioni che già conoscete (niente acqua santiera, distanza di sicurezza, niente strette di mano).

La comunità dei frati si ritroverà in alcuni orari della giornata per la preghiera a porte chiuse e garantendo un servizio di comunione spirituale via web con delle dirette Facebook attraverso la pagina FB  "Quartiere Santa Maria Vetere"

Martedì 10 Marzo ore 19.00 Celebrazione Eucaristica - Martedì a Sant'Antonio
Venerdì 14 Marzo ore 19.00 Via Crucis
Domenica 15 Marzo Ore 10.30 e 19.00 Celebrazioni Eucaristiche.
Queste celebrazioni si terranno a porte chiuse e in assenza di fedeli.

La Chiesa italiana promuove un momento di preghiera per tutto il Paese, invitando ogni famiglia, ogni fedele, ogni comunità religiosa a recitare in casa il Rosario (Misteri della luce), simbolicamente uniti alla stessa ora: alle 21 di giovedì 19 marzo, festa di San Giuseppe, Custode della Santa Famiglia.
Alle finestre delle case si propone di esporre un piccolo drappo bianco o una candela accesa. TV2000   (Canale 28 digitale Terrestre) offrirà la possibilità di condividere la preghiera in diretta. Leggi qui la news

 Scarica il Sussidio CELEBRARE PREGARE Tempo di Epidemia

Andria 09 Marzo 2020 
vostro parroco padre Rocco Iacovelli

leggi qui le Disposizione Diocesane su come comportarsi nei luoghi di culto durante le varie celebrazioni, allo scopo di contrastare e contenere il diffondersi del virus COVID-19,

 Chiesa Santa Maria Vetere Andria

Il comunicato dei Vescovi delle Diocesi di Puglia

Cari presbiteri e fedeli tutti,

in questo delicato momento storico è un dovere per noi Arcivescovi e Vescovi delle Diocesi di Puglia, invitare alla responsabilità di fronte al dilagare del COVID 19.
Accogliamo quanto il Presidente del Consiglio ha stabilito nel Decreto dell’8 marzo u.s. (DPCM 8/23/2020, art. 2, comma v), nel quale tra l’altro, ha prescritto per tutto il territorio nazionale che «L’apertura dei luoghi di culto è condizionata all’adozione di misure organizzative tali da evitare assembramenti di persone, tenendo conto delle dimensioni e delle caratteristiche dei luoghi, e tali da garantire ai frequentatori la possibilità di rispettare la distanza tra loro di almeno un metro; sono sospese le cerimonie civili e religiose, ivi comprese quelle funebri».
Nella stessa data di domenica 8 marzo, la Conferenza Episcopale Italiana ci comunicava che «L’interpretazione fornita dal Governo include rigorosamente le Sante Messe e le esequie tra le “cerimonie religiose”. Si tratta di un passaggio fortemente restrittivo, la cui accoglienza incontra sofferenze e difficoltà nei Pastori, nei sacerdoti e nei fedeli. L’accoglienza del Decreto è mediata unicamente dalla volontà di fare, anche in questo frangente, la propria parte per contribuire alla tutela della salute pubblica».
Recependo queste istanze necessarie ad evitare un’ulteriore estensione del contagio, i Pastori delle Chiese di Puglia ribadiscono che fino al 3 aprile p.v.:

  • non siano celebrate Sante Messe festive e feriali con la partecipazione del popolo. I presbiteri celebrino l’Eucaristia in privato ed invitino i fedeli a pregare personalmente o in famiglia, meditando la Parola di Dio;
  • non siano celebrati funerali in chiesa e si benedica la salma del defunto direttamente al cimitero con le preghiere rituali dell’“l’ultima raccomandazione e commiato”;
  • le chiese rimangano aperte per la preghiera personale. Si garantisca ai fedeli la possibilità di tenere la distanza di almeno un metro l’uno dall’altro;
  • siano sospese le feste patronali, le processioni, le stazioni quaresimali e qualsiasi altra manifestazione.

Nel dare queste norme siamo consapevoli di invitare il popolo di Dio ad un “digiuno” forzato dall’Eucaristia, ma siamo anche fiduciosi che non mancherà a nessuno il nutrimento della Parola di Dio e della preghiera personale e che questo grande sacrificio potrà contribuire a tutelare la salute di tutti i cittadini.
Mentre siamo vicini a quanti stanno soffrendo per la perdita di una persona cara o sono stati colpiti dal coronavirus, esprimiamo apprezzamento e sostegno al personale sanitario che in queste ore si sta spendendo generosamente nella cura dei malati.
Il Signore sostenga il suo popolo nella prova per intercessione della Beata Vergine Maria Regina Apuliae.

9 marzo 2020

I Vescovi di Puglia

 Conferenza episcopale italiana