Ho conosciuto P. Vincenzo quando e’ divenuto parroco di S. Maria Vetere, allora aveva appena 33 anni.

Il quartiere di S. Maria Vetere essendo di estrema periferia era privo di tutti i servizi sociali sopratutto nella zona nascente del S.S. Salvatore, mancava l’energia elettrica, l’acquedotto, le strade non erano asfaltate.

Padre Vincenzo lo vedevo uscire dalla Parrocchia per visitare le famiglie e farsi carico dei loro problemi, dei loro bisogni e le loro preoccupazioni erano le sue.

Iniziò subito la sua azione missionaria col provvedere e risolvere dove poteva tutte le problematiche che gli venivano proposte.

Gli stavano a cuore i problemi dei bambini soprattutto quelli che vivevano per strada, divenne il tramite fra famiglia e scuola; parlando con le famiglie scopriva i loro problemi, i loro bisogni quindi raccoglieva i bambini e li conduceva a scuola permettendo ad ognuno di frequentarla gratuitamente infatti era solito ripetere: “ Ciò che non può fare la famiglia lo deve fare la scuola”.

La scuola era il mezzo che serviva per coinvolgere nell’educazione dei bambini anche le famiglie e anche per avvicinare l’uomo a Dio , motivo per cui ci teneva tantissimo alla scuola materna.

L’aspetto più bello che ho conosciuto di questo Frate è che mi ha fatto crescere come persona e come Francescana con tutti i suoi valori: accoglienza, disponibilità, ascolto e carità verso tutti.

Ogni persona che lo avvicinava trovava in Lui un  vero Padre disposto ad ascoltarci ad aiutarci e a comprenderci persino gli extracomunitari non venivano rifiutati , anzi erano i privilegiati,  per i più sofferenti e senza lavoro provvedeva a farci preparare pasti e tutto quello che occorreva per soccorrerli.

Uno dei tantissimi ricordi indelebili che ha lasciato nel cuore di tanti Andriesi è il campo scuola e il campeggio che organizzava durante le vacanze estive di ogni anno. Questo era il periodo più bello e più atteso da tutti, nella parrocchia c’era un via vai di ragazzi e ragazze , giovani e famiglie, che volevano partecipare a questa iniziativa che portava tanta gioia e divertimento per tutti.

Era un’esperienza indimenticabile ognuno tornando a casa portava nel cuore il ricordo della gioia vissuta , dell’amore ricevuto, del rispetto reciproco.

La catechesi era un momento di preghiera accettato e condiviso senza tralasciare i momenti di

svago. Un ricordo che mi torna in mente molto spesso è uno dei suoi gesti straordinari, una sera una coppia trovava difficoltà ad uscire in quanto bisognava badare ai bambini e Padre Vincenzo li rese felice offrendosi di rimanere in tenda per badare ai bambini e permettere loro di divagarsi.

Altro momento particolarmente a me caro sono stati gli ultimi giorni della sua vita quando mi ripeteva spesso dicendo: “Adesso bisogna pregare e fare la volontà di Dio”, nostro Signore Gesù  l’ha fatto per tutta la vita .

Padre Vincenzo il tuo ricordo  rimarrà sempre nel mio cuore.

Franca Chieppa

Ministro OFS Parrocchia Santa Maria Vetere

Di admin

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy